che bonisoli ce la mandi buona

01 luglio, 2017

Ravenna-Festival: il ritorno della OSN e di Fray


Il Ravenna-Festival-2017 ha ospitato ieri sera la OSN della RAI, guidata dal suo ex- Juraj Valčuha. L’Orchestra ha fatto così il suo ritorno in Romagna, in attesa poi di trasferirsi di poco a sud, lungo la riviera marchigiana, per essere protagonista al prossimo ROF. Il monumentale Pala-deAndré presentava vaste aree spopolate (penso si riempirà martedi con Temirkanov...)

Altro gradito ritorno a Ravenna è quello di David Fray, che è stato protagonista nel mitico Concerto in LA min di Schumann, al quale lui si attaglia persino nel... fisico (pare Schumann resuscitato). Esecuzione di tutto rispetto, non esente da qualche perdonabile indecisione. Ottimo l’amalgama con l’Orchestra, che deve necessariamente caratterizzare questo pezzo; alla fine applausi convinti (anche da un certo maeschtre presente in prima fila a far gli onori di casa con la consorte) e quindi un bis del più inflazionato degli Chopin.      
___
È toccato infine alla straussiana Eine Alpensinfonie di chiudere in bellezza la serata. Qualche mia nota sui contenuti di questa memorabile escursione alpina si può leggere qui. Orchestra in gran spolvero, a partire dalla sezione più... bistrattata da Strauss (che aveva una predilezione per i corni, data la professione del paparino). Valčuha allenta tutte le briglie e non risparmia proprio nulla e nessuno: sonorità sgargianti e fortissimi a volontà. Ma anche religioso raccoglimento a... fine giornata. Appausi fin troppo solleciti (ma non è la nona di Mahler) e tutti a casa.

Fuori, dopo una giornata autunnale, grigia e ventosa (che si era alternata al giovedi torrido, funestato dall’insopportabile garbino) una mezzaluna e Venere spiccano in cielo: buon presagio per un’apertura di luglio come si deve: e infatti stamane cielo turchese e mare come olio.

Nessun commento: