che bonisoli ce la mandi buona

01 agosto, 2016

ROF-37 alle porte

 

Siamo entrati in Agosto e fra una settimana precisa prenderà il via a Pesaro il ROF-XXXVII.

Ormai praticamente chiusa la stagione delle novità assolute, il Festival si è trasformato in vetrina di nuovi allestimenti di opere già presentate in passato. Così questa edizione – la prima sotto la Direzione artistica di Ernesto Palacio, succeduto al venerabile Zedda -  propone due nuove produzioni, più la ripresa di una recente prima.  

A Damiano Michieletto è affidata la nuova proposta de La Donna del Lago, assente in forma scenica (fu data in concerto nel 2013) dal lontano 2001, quando vi cantarono, diretti da Gatti, Devia, Barcellona, Alberghini, Workman e tale... Juan Diego Florez. Il quale ricompare anche questa volta, a 15 anni di distanza, come se per lui il tempo si fosse fermato. Accanto a lui il vocione di Spyres (presente già nel 2013). Sul podio, a dirigere i suoi bolognesi, il profeta-in-patria Michele Mariotti.

Davide Livermore (quasi di casa da quelle parti) si incaricherà del nuovo allestimento del Turco in Italia, che torna in scena dopo 9 anni. Il cast pare davvero interessante, con Schrott, Peretiatko-in-Mariotti, Alaimo e il promettente Segkapane. Da seguire anche la Direttora Speranza Scappucci.

La ripresa (dal 2012) riguarda il Ciro in Babilonia: regìa di Livermore (che così passerà presumibilmente in teatro anche le notti del 9, 12, 15 e 18 agosto...) con il ritorno della leggendaria Podles, affiancata da Siragusa e Yende. Sul podio farà il suo atteso debutto al ROF Jader Bignamini.

Per gli amanti delle statistiche, ecco qui la tabella aggiornata delle edizioni del Festival:


Il tradizionale concerto di chiusura quest’anno è dedicato a festeggiare i 20 anni di JDF al ROF: data la presumibile affluenza in massa, le porte a chiudersi sul Festival non saranno quelle del piccolo Teatro Rossini, ma quelle dell’enorme palazzone dell’Adriatic Arena. Resta però invariata la possibilità di godersi lo spettacolo sul maxi-schermo di Piazza del Popolo (20:30).


Le tre prime (8-9-10) al solito su Radio3 alle 20. 
  

Nessun commento: