che bonisoli ce la mandi buona

10 agosto, 2016

ROF-37 alla radio – 2


La seconda delle tre opere in cartellone al ROF-XXXVII è Il Turco in Italia, in una nuova co-produzione con Valencia, dove il regista Davide Livermore è di casa.

Nel cast spiccano come protagonisti i nomi di Schrott e Peretyatko. Devo dire che nessuno dei due mi ha entusiasmato: il primo pare un pallido ricordo del baritono di qualche anno fa; la seconda, dopo una partenza discreta (Non si dà follia maggiore) mi è parsa avere parecchie difficoltà, culminate in un Caro padre, madre amata assai insoddisfacente, per intonazione e portamento. Peccato, poichè la signora Mariotti ha una voce molto adatta al ruolo di Fiorilla, un misto di leggerezza e svampitezza. Bene invece il Narciso di Rene Barbera, che conferma le sue brillanti doti di tenorino rossiniano (l’edizione critica lo gratifica della cavatina Un vago sembiante, composta da Rossini per Roma un anno dopo l’esordio scaligero); con lui discreta anche la prestazione di Nicola Alaimo, un Geronio efficace (che canta anche Se ho da dirla, anch’essa assente nella prima stesura e aggiunta per le recite romane). Pietro Spagnoli è un buon Prosdocimo, per quanto Rossini non gli abbia riservato interventi schiettamente solistici. Onorevoli le prestazioni di Cecilia Molinari (Zaida) e di Pietro Adaini, che ha sostituito come Albazar il negretto Segkapane. Dignitosa anche la prestazione del Coro del Teatro della Fortuna Mezio Agostini di Fano (diretto da Mirca Rosciani).

Per Speranza Scappucci (impegnata personalmente anche negli accompagnamenti alla tastiera dei recitativi) è stato un felice esordio al ROF, una direzione alla quale muoverei solo l’appunto di qualche sporadico rilassamento di tempi.

Della regìa di Livermore sappiamo essersi ispirata a... Fellini. L’idea di rappresentare Prosdocimo come un famoso regista che muove a suo piacimento tutto ciò che avviene in scena è tanto infedele rispetto al libretto (dove il poeta è in realtà lui ad essere alla mercè degli avvenimenti) quanto già proposta da altri (vedi Alden in una produzione di pochi anni fa, data anche a Torino). Però pare che il tutto funzioni e che lo spettacolo sia assai piaciuto al pubblico del teatro Rossini. Staremo a vedere.
___
Questa sera tocca a Bignamini con il Ciro (sempre di Livermore).              


Nessun commento: