l'incubo del 5 marzo: governo berlusconi-salvini-meloni con appoggio esterno di renzi

09 agosto, 2016

ROF-37 alla radio - 1


Ieri sera la conchigliona dell’Adriatic Arena ha tenuto a battesimo il ROF-XXXVII con la nuova co-produzione (marchigiano-vallone) de La Donna del Lago.

Radio3 ha per l’occasione infranto una piccola tradizione: alla voce acuta e simpaticamente impertinente del toscano Giovanni Vitali ha sostituito quelle più pacate (e un filino noiosette) della premiata coppia Pedone-Bossini, coadiuvati in studio dal navigato Barbieri. Il quale ha giustamente fatto valere le proprie competenze sbugiardando il povero Michieletto, reo di aver insinuato (nella sua intervista nell’intervallo) che la parte di Malcom fosse stata da Rossini affidata ad un contralto poichè tratterebbesi di personaggio, diciamo così, privo di nerbo mascolino. Dal che si dovrebbe dedurre che pure Tancredi fosse una mezza-sega (!?)

Avendo tirato in ballo il regista - e in attesa di fare prossimamente commenti motivati da visione diretta – liquiderò per ora l’argomento dicendo che, da quanto riportato, si dovrebbe dedurre che l’idea portante di questa produzione sia figlia del tipico approccio famola strana, si no la ggente poi s’annoja... (e anche: se no come ce la guadagnamo la michetta?)  

Per quanto sia arduo giudicarla dall’ascolto via-etere (o banda) mi sentirei di muovere contenuti apprezzamenti all’esecuzione musicale. Mariotti (anche lui intervistato dopo il primo atto) ha mostrato di avere, sulla carta, idee molto chiare e precise sulla natura di questa musica, che mescola stili (settecento e romanticismo) e colori diversi: che poi l’abbia saputa tradurre in pratica alla perfezione... è altro discorso, ma converrà giudicare dal vivo. Un paio, non di più, i taglietti al libretto, soprattutto nel second’atto.

Quanto alle voci: bene, ma non benissimo, il coro di Faidutti (non sempre preciso, mi è parso, negli attacchi) e su discreto livello medio i cantanti. Su tutti ha giganteggiato Spyres, ma anche la Jicia se l’è cavata abbastanza bene. JDF non è più quello di 20 anni fa (e infatti gli... faranno la festa, smile!) e si difende come può, e come sa, appunto dall’alto della lunga esperienza. La Abrahamyan pare abbia voluto dar ragione a Michieletto (smile!) presentando un Malcom poco... autoritario. Mimica è un Duglas non entusiasmante, meglio di lui i due comprimari Iniesta e Brito.
___
Altro giro, altro regalo: stasera il Turco.

Nessun commento: